Award

Premio Internazionale Donna Impresa

Eventi
Eventi

Leadership Excellence Award Winner International Women

L’ Award Donna Impresa International (International Association Women Entrepreneurs and Business Leaders – Employment, Social Affaire & Equal Opportunities” si pone quale obiettivo principale la valorizzazione di Donne speciali, donne competenti, donne coraggiose, donne impegnate nel sociale. Donne che sono riuscite a far fronte alla crisi e che si sono contraddistinte per caratteristiche umane, sensibilità e determinazione e creatività. DI. International Women (Donna Impresa International) collegata ad innumerevoli associazioni internazionali di cui l’Italia è tra i fondatori, si colloca di diritto fra le più grandi reti di donne imprenditrici e manager nel mondo. Il Collegio di valutazione è composto dal Cerimoniale Diplomatico e dai Presidenti delle Associazioni nazionali ed Internazionali con le quali coopera, tra le quali l’European Women Management Development International.

Mission

Il PREMIO INTERNAZIONALE DONNA IMPRESA è dedicato all’universo femminile, ai suoi valori, all’importanza che la donna ha nella famiglia e nella società, ai mille ruoli che riesce a ricoprire, a tutto quello che riesce a fare, a dare, a trasmettere, a cominciare dall’amore che ispira ogni suo atto. Il prestigioso riconoscimento viene conferito a donne che hanno mostrato di sapere eccellere in campo artistico o professionale, sociale, politico o umanitario, senza mai sottovalutare però, la prioritaria importanza della famiglia, riuscendo mirabilmente ad essere mogli, madri, figlie, sorelle perfette oltre che artiste o professioniste affermate.

Note

Presente in tutti i settori della vita pubblica, dal panorama economico e finanziario fino alle istituzioni, pone in risalto la figura della donna attraverso il suo operato che non ha ancora avuto il riconoscimento adeguato all’importante contributo che essa apporta a tutti i livelli, reso ancora più eccezionale dalla gravità di un impegno che si divide su più fronti, da quello pubblico a quello privato, non ultimi quelli di moglie e di madre. Una lacuna incolmabile che Valeriana Mariani, in qualità di Presidente delle Associazioni Donna Impresa e International Women (International Association Women Entrepreneurs and Business Leaders – Employment, Social Affaire & Equal Opportunities) da oltre un decennio, ha voluto colmare istituendo un premio per quelle donne che si sono distinte per operosità ed ingegno in vari ambiti, da quello professionale ed imprenditoriale a quello culturale, raggiungendo ragguardevoli traguardi. Coraggio, impegno civile e sociale, ma anche il tema della pace, la solidarietà e la cultura sono anch’essi temi cardine di questa iniziativa che ha ricevuto il plauso e la piena approvazione, tra gli altri, delle istituzioni internazionali che le hanno ufficialmente concesso il proprio appoggio e Patrocinio. Pur a fronte di un panorama ricco e variegato di presenze femminili nell’ambito pubblico, l’Award ha voluto essere fin dagli albori della sua istituzione, fortemente selettivo, per valorizzare il senso e gli scopi del riconoscimento, che sono quelli di mettere in luce quelle professionalità che assumono valore emblematico in quanto rappresentano il rafforzamento del ruolo della donna nel panorama economico, in Italia e nel mondo. Le storie di queste donne e i valori che hanno trasmesso dimostrano come le donne portino con loro sempre un incredibile bagaglio di sentimenti ed esperienze. La loro forza, le loro storie dimostrano che le donne quando riescono a collaborare, fare sistema in sinergia possono davvero raggiungere qualunque obiettivo. Attenta e puntuale la presenza nei paesi colpiti da conflitti e guerre, l’Associazione International Women sostiene le donne più emarginate affinché esse abbiano a che migliorare la salute e il benessere della collettività con attenzione particolare all’infanzia, e contribuendo, attraverso il proprio operato svolto in sinergia coni Governi di tutto il mondo, ad influenzare le decisioni per un cambiamento sostenibile nella loro casa e comunità. Non di meno essa ha come mission la lotta alla violenza sulle donne.

Noi Donne

In ogni paese le donne hanno svolto la loro parte nel sostenere la politica nazionale e nel provvedere alla loro esistenza sul piano economico. Nel fare questo hanno ottenuto accesso a lavori riservati agli uomini. Ciò ha rappresentato un grande guadagno in termini di esperienza e di possibilità, ma ciò è avvenuto in una posizione politica subordinata. Le donne devono assumere una parte di direzione nella storia del futuro. Incentivare le donne a rivendicare la loro piena partecipazione per un mondo migliore significa opporsi all’avidità mascherata da patriottismo, significa porsi il fine della felicità e del benessere delle masse prima delle ambizioni territoriali ed economiche. In primo luogo l’Associazione afferma il dato di principio secondo il quale la guerra è contraria non solo alle donne ma all’intera umanità, dato di principio da cui consegue una visione tesa a costruire per uomini e donne una “cittadinanza mondiale”. In questa prospettiva si colloca il suo rifiuto ad ogni forma di razzismo e del concetto di superiorità di un individuo, di un gruppo o di una razza su un altro individuo, un altro gruppo, un’altra razza. La richiesta di uguali diritti per le donne si intreccia a quella dell’abolizione di tutte le discriminazioni legate al colore o alla razza. Le azioni delle donne, il loro modo di pensare non sono qualcosa di raro, di effimero. La nostra “civilizzata” Europa, ma l’intera comunità internazionale, deve incentivare maggiormente le donne a rivendicare la loro piena partecipazione per un mondo migliore a partire dal quotidiano: ciò che fanno le donne non deve essere per forza eroico, qualcosa di solo imponente: già il cercare di vivere una vita secondo i loro principi e valori malgrado tutte le difficoltà è un’impresa titanica. Nella storia delle donne non c’è nulla di scontato, prevale invece una smania di vivere che supera ogni ingiustizia, dolore o povertà. Donne che vogliono ottenere la propria rivincita ribellandosi agli stereotipi di una società spesso sbagliata che argina i confini della propria realtà.

Sulla Leadership

In tante vorremmo continuare a essere donne anche quando siamo leader.

Non è una richiesta irragionevole, ma chi non si conforma al modello predominante e maschile, fa fatica a trovare una valida alternativa. Forse ci sono ancora troppe poche donne leader e mancano i role model. Forse molte donne leader, strette tra compromessi e rinunce, non hanno creato un modello di leadership tanto diverso dall’esistente. Il modello di leadership femminile cui aspiriamo è un tipo di leadership in cui noi donne ci riconosciamo. Non è ancora venuto completamente alla luce, lo dobbiamo far nascere insieme, aiutandoci tra generazioni e professioni diverse, tirando fuori quella capacità di collaborare che, quando lo vogliamo, è una potenza inarrestabile.

La Leadership cui aspiriamo ha queste caratteristiche:

  • non si fa ingabbiare nello stereotipo maschile(ma nemmeno crea gabbie alternative), ha il coraggio di essere sé stessa
  • valorizza le differenze(non solo di genere) anziché tentare di appianarle o nasconderle
  • è consapevole delle proprie caratteristiche, molte delle quali sono particolarmente apprezzate nei leader nel nuovo millennio (es. capacità di ascoltare, collaborare, motivare e mostrare empatia)
  • è sicura del valore che può portarenelle organizzazioni, nelle professioni, nel governo e nell’amministrazione della cosa pubblica come nella vita di tutti i giorni.